V Video

R Recensione

6/10

Beetlejuice - Spiritello Porcello regia di Tim Burton

Black Comedy
recensione di Alessandro Giovannini

Peripezie di Adam (Alec Baldwin) e Barbara (Geena Davis), coppia di "novelli deceduti" che, anche da fantasmi, non intendono tollerare che la loro casa venga abitata da una insopportabile famiglia altoborghese in cui solo la figlia Lydia (una giovanissima Winona Rider), goth-girl in costante stato di depressione, sembra avere un pò di sale in zucca; l'unica possibilità per cacciare gli odiosi aristocratici è forse quella di affidarsi ad un losco spiritello, Betelgeuse (Michael Keaton) che assicura loro di avere la soluzione a portata di mano.

Dopo il successo del primo lungometraggio Pee Wee's Big Adventure di quattro anni prima, Tim Burton aveva visionato vari soggetti e scritti a sua volta, ma senza risultati soddisfacenti, finchè non visionò quello di Beetlejuice, scritto da Michael McDowell (1959-1999), noto scrittore e sceneggiatore americano di stampo horror (collaborò ancora con Burton alla stesura della storia di The Nightmare Before Christmas).

Batman, cui stava già lavorando, era fermo per mancanza di mezzi.

Spassosa commedia nera che prende in giro la borghesia americana, Beetlejuice garantisce il divertimento attraverso le trovate burlone della coppia di fantasmi ai danni dei fastidiosi intrusi (memorabile la scena della possessione, che induce gli abitanti della casa a ballare la Day-O) e dalla volontà di non prendersi per nulla sul serio.

Visivamente il film è notevole per il numero di effetti speciali (i vermoni giganti di Saturno ad esempio, che hanno qualche affinità con quelli di Dune di David Lynch, di quattro anni prima), le mortifere ed al tempo stesso coloratissime scenografie del mondo dei morti contrapposte al serioso grigiore del mondo dei vivi, contrapposizione che sarà ripresa diciassette anni dopo ne La sposa cadavere) i costumi ed il trucco (premiato con l'Oscar) spesso esilaranti dei non-morti, lo spassoso trattamento di un tema macabro con un umorismo surreale e grottesco.

Il cast è indubbiamente uno dei punti forti del film: accanto all'ottimo Michael Keaton, inizialmente riottoso a partecipare alle riprese in quanto fortemente dubbioso riguardo l'esito commerciale del film, è da ricordare la presenza di Winona Rider, probabilmente una delle scelte più azzeccate di sempre di Burton per quanto riguarda il casting; Lydia, a metà fra una emo dei nostri giorni e Mercoledì della famiglia Addams, è una forte presenza scenica oltre che un ottimo personaggio “malincomico”. Divertente è anche Alec Baldwin, forse per la prima volta alle prese con un personaggio non drammatico, rivelando le sue doti di attore da commedia.

Forse l'apparato tecnico pesa un po' troppo sul risultato finale, lasciando gioco facile alla regia non particolarmente inventiva, ed alla sceneggiatura, che a fronte di un'ottima idea di base non ha sviluppi particolarmente brillanti.

In conclusione Beetlejuice risulta un ottimo film per svagarsi, ancor di più se visto con amici. Non è affatto detto che piaccia solo ai bambini: risulterà piacevole a chiunque abbia voglia di viaggiare con l'immaginazione.

V Voti

Voto degli utenti: 7,3/10 in media su 4 voti.
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
ffhgui 7/10

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

ffhgui (ha votato 7 questo film) alle 22:42 del 13 marzo 2012 ha scritto:

Commedia spassosissima, un Burton frizzante, scenografie eccezionali, atmosfera ottima, un grande Michael Keaton; e poi Winona Ryder versione dark in questo film è meravigliosa, grande prova per lei.

tramblogy (ha votato 7 questo film) alle 10:11 del 5 febbraio 2013 ha scritto:

Bello!!!divertente!