V Video

R Recensione

7/10

Persona regia di Ingmar Bergman

Psicologico
recensione di Massimiliano Scordamaglia

Un’attrice fragile, una infermiera per aiutarla a risolvere i suoi silenzi e una casa lontana nella quale ritrovare una dimensione per vivere. Presente e passato nella speranza del futuro.

Opera complessa, controversa e impossibile da spiegare perche’ spiegare e’ definire e non e’ possibile stabilire un senso univoco quando il significato ultimo puo’ essere discutibile.

Gli amanti delle pellicole “psicologiche” sono serviti nell’ininterrotta esposizione di simboli da cogliere e svelare come e meglio di uno psicanalista con un sogno da interpretare.

Se ad inizio film viene fornito un dizionario a base di proporzioni tra uomo e materia, in seguito e’ lo spettatore a decidere i limiti tra psiche e ragione, limiti e legami tra identita’ e “persona” appunto.

Cosa stiamo assistendo? A un transfert o una introspezione? Introiezione o estrinsecazione?

È forse il capitolo ultimo di una mente o all’opposto la sua rinascita?

Dubito vi sia unico significato e all’opposto s’ammira l’intento compiuto di fornire risposte molteplici con un solo quesito.

Cinematograficamente Bergman si supera con un bianco e nero estremamente contrastato che da solo crea volumi quando la profondita’ di campo pare tendere all’infinito eliminando ogni prospettiva alla scena.

Del resto la Ullmann e Andersson si fondono e s’immergono l’una nell’altra grazie all’ombra e nell’ombra emergono e si rituffano nei ricordi e nel presente, negli incubi e nelle certezze.

Signori, rispolveriamo il dibattito…

V Voti

Voto degli utenti: 9,4/10 in media su 5 voti.

C Commenti

Non c'è ancora nessun commento. Scrivi tu il primo!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.