V Video

R Recensione

8/10

Mad Max: Fury Road regia di George Miller

Azione
recensione di Valentina Marchetti

Ossessionato dal suo turbolento passato, Mad Max crede che il modo migliore per sopravvivere sia muoversi da solo, ma si ritrova coinvolto con un gruppo in fuga attraverso la Terre Desolata su un blindato da combattimento, guidato dall'imperatrice Furiosa. Il gruppo è sfuggito alla tirannide di Immortan Joe, cui è stato sottratto qualcosa di insostituibile. Furibondo,l'uomo ha sguinzagliato tutti i suoi uomini sulle tracce dei ribelli e così ha inizio una guerra spietata.

Eccellente è l'aggettivo giusto per descrivere, Mad Max, Fury Road, che esce nelle sale italiane il 14 Maggio. Quello che vedete sullo schermo per centoventi minuti ha un potere ipnotico, sa trasportarvi nel bel mezzo dell'azione,sul blindato guidato da una Charlize Theron potentissima e determinata. Lei che è l'imperatrice suprema di Immortan Joe, colui che regna indisturbato. Ma qualcosa è sfuggito al suo controllo, a colui padre di tutti i "warlords", i "signori della guerra", che spietati in un mondo dove ormai il bene primario è la benzina seminano il terrore a bordo di moto, carri armati infuocati. E il destino sceglie di far incontrare questa civiltà "spartana" con Mad Max, un incontro che sia per lui che per Furiosa (Charlize Theron) cambierà le carte in tavola. E' tornato in forma magnifica George Miller, con un film che sotto ogni punto di vista è perfetto, nelle battute, nell'azione, negli effetti speciali, nei monologhi dello stesso Max, un esule, un dimenticato che vive in un mondo finito, morto, dove la sua missione primaria è la propria sopravvivenza. Si apre con un'introduzione alla Riddick, Mad Max, dove come Vin Diesel ricorda, riflette, sopravvive, entra in contatto con altri che come lui sopravvivono, lottano. O si batte contro individui folli come Joe, uno che non vorreste mai incontrare nemmeno nei vostri peggiori incubi. Il risultato, anche in quelle scene che faranno forse storcere il naso perchè accusate di pura follia e prive di qualunque senso e contesto, sono invece tutti tasselli essenziali, per capire la realtà di Max, di Immortan Joe, di Furiosa. Mad Max è superbo, la Theron dà uno spessore e una performance eccellenti al suo personaggio anche nei silenzi, negli sguardi, Tom Hardy si dimostra all'altezza, non sbaglia nemmeno un'occhiata, una parola, Zoe Kravitz insieme alle altre giovani interpreti, è capace di conferire credibilità al suo personaggio; gli inseguimenti sono qualcosa che tiene col fiato sospeso; la fotografia un susseguirsi di colori altrettanto esplosivi come i fiumi di benzina che bruciano tutto ciò che incontrano Max e Furiosa, i signori della Guerra e Immortan Joe che negli scontri non nen risparmiano un millilitro. Fuoco, azione, fuoco, pallottole, possibilità di riscatto, è una lotta estrema dove nulla è scontato, dove se "non si aggiusta ciò che è rotto, sperare è inutile - come afferma Max. Mad Max è un capolavoro, è il miglior film del momento, potrebbe addirittura battere The Avengers - Age of Ultron.

V Voti

Voto degli utenti: 8,6/10 in media su 5 voti.
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
alexmn 9/10

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

tramblogy alle 9:06 del 17 maggio 2015 ha scritto:

booo, insomma....

alexmn (ha votato 9 questo film) alle 11:40 del 18 maggio 2015 ha scritto:

serviva un minimo di backstory in più per il personaggio di charlize theron (davvero un accenno in più per empatizzare in alcuni passaggi), ma per il resto è davvero un filmone. con questo george miller ha alzato alle stelle i parametri per un film action.