V Video

R Recensione

10/10

Old Boy regia di Chan-wook Park

Thriller
recensione di Diego Sali

Secondo episodio della " Trilogia della vendetta " firmata da Chan Wook Park, tra il 2002 e il 2005, Old Boy girato nel 2003 tra la Corea del Sud e la Nuova Zelanda, rimane uno dei risultati piu interessanti che il cinema coreano , da Kim ki - Duk, allo stesso Chan Wook Park, ha prodotto all'inizio del ventunesimo secolo, momento crativamente favorevole al movimento cinematografico asiatico.

Non a caso , il film  venne premiato dal Gran Premio della Giuria al festival di Cannes nel 2004, diventando un successo internazionale di pubblica e critica,  grazie all'unione di una trama originale e di un linguaggio visivo che lo ha reso uno dei film piu sconvolgenti di inizio secolo. 

 

Notte di pioggia. Un uomo ubriaco si dimena in una piccola stazione di polizia a Seoul, Sud Corea. Gli uomini in divisa faticano a trattenerlo, ma il  protagonista, Dae-su è solamente alticcio dopo una serata di bagordi.  

All'uscita della stazione, accompagnato da un suo amico, una piccola pausa per una telefonata da una cabina pubblica. Il tempo di girarsi e Dae-su è scomparso nel nulla.  

Che fine ha fatto ? Chi lo ha rapito ? Rinchiuso in una stanza, tra cene a base di ravioli e tentati suicidi, dopo quindici anni , senza vedere mai il suo rapitore e senza mai saper il perche, all'improvviso Dae-su (Choi Min-Sik) viene liberato e lasciato sul tetto di un palazzo, dove in una delle scene piu forti e emozionanti del film inizia a cercare delle risposte alla sua prigionia.  

Da questo momento, un solo obiettivo si fortifica nella mente del protagonista: trovare il suo aguzzino, ma soprattutto le ragioni del suo rapimento, inspiegabili e per questo ancora più dolorose e portatrici di rabbia e sconforto.  

In questo quadro, si inserisce l'incontro con Mi-do (Kang Hye-Jeong), commessa di un ristorante sushi, conosciuta poche sere dopo la sua liberazione (non potrà non rimaner impressa nella memoria la scena in cui Dae-su, seduto al banco di fronte a lei, mangia un polipo vivo) con cui in poco tempo instaurerà una relazione sentimentale che piu tardi si rivelerà ai suoi occhi sotto la sua vera e malvagia natura.  

Dopo essere riuscito a risalire ai suoi rapitori, a Dae-su vengono concessi 5 giorni di tempo per risolvere l'enigma riguardante il motivo del suo rapimento, giorni frenetici nei quali, con un susseguirsi di colpi di scena riuscirà a scogliere il mistero, legato alla sua adolescenza ai tempi della scuola. Quando tutto sembra essere chiaro e la storia sembra non avere piu niente da offrire, è qui che il regista con un colpo di rara maestria e genio offre allo spettatore un colpo improvviso che arriva diretto allo stomaco dello spettatore.  

La vendetta è infatti ancora tutta da consumare, e non consiste affatto nella prigionia vissuta negli ultimi quindici anni: difatti ,come commenta  Woo Jin (Yu Ji-Tae) rapitore di Dae-su, lo ha liberato da una prigione più piccola solamente per poterlo controllare  in una prigione piu grande, questa volta tramite l'ipnosi attuata poco prima di rilasciarlo dal covo dove venne sequestrato.  

Tutto ciò che ha vissuto, in particolare l'incontro con Mi-Do che  si rivelerà essere ben più della semplice amante, era frutto del controllo ipnotico utilizzato su di lui. E proprio dopo questa rivelazione che la vendetta, crudele e malvagia in una misura difficilmente immaginabile, prende corpo, trascinando Dae-su in uno stato di mistica umiliazione personale che lo portano a prostrarsi sulle ginocchia del suo rapitore Woo Jin, chiedendogli perdono e umiliandosi nella speranza di ottenere pietà nonostante tutto quello che ha passato a causa sua.  

Niente happy ending dunque? Sembrerebbe così, anche se il regista lascia una piccola fiammella, diremmo di buonismo ma il termine combacia assai poco con questo film, nell'ultima scena in cui a Dae-su viene data la possibilità di dimenticare tutto cio che è successo, ma non lo riabilita agli occhi del pubblico dal suo ruolo di sconfitto ed umiliato.  

Fondamentale ai fini della comprensione della pellicola è la scena  in cui Dae-su si trova faccia a faccia con Woo Jin, in cui viene esaltata la componente psicologica che diventa dominante, perversa e lascia senza parole, ed allo stesso tempo viene utilizzata per descrivere la sconfitta umiliante di un uomo rinchiuso per quindici anni da una mente diabolica che definire malata è alquanto riduttivo.    

Qualora vi fossero ancora dubbi  sul valore di questa pellicola, che mischia thriller psicologico, pulp ed una spruzzata di horror, è bene ricordarsi cosa disse uno dei maestri del cinema contemporaneo, quel Quentin Tarantino autore di capolavori come Pulp fiction e Le Iene, che intervistato a riguardo del film di Chan Wook Prak rispose : "Old Boy è il film che avrei sempre voluto fare".  

E se entrate in una cabina telefonica, ricordate di guardarvi sempre intorno perche il nostro Woo Jin potrebbe essere li ad aspettarci. D'altronde chi non nasconde qualche cattiva azione nel suo passato?....

V Voti

Voto degli utenti: 9,1/10 in media su 19 voti.

C Commenti

Ci sono 12 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Peasyfloyd (ha votato 10 questo film) alle 10:21 del 4 novembre 2009 ha scritto:

capolavoro!

di film così strazianti e devastanti ce ne sono davvero pochi in giro!

bargeld (ha votato 9 questo film) alle 12:01 del 4 novembre 2009 ha scritto:

indimenticabile capolavoro!

Travis_Bickle (ha votato 7 questo film) alle 12:27 del 9 novembre 2009 ha scritto:

poteva rendere di più!

superPOP girl (ha votato 6 questo film) alle 23:34 del 13 novembre 2009 ha scritto:

ma...ora non lo riguarderei

visto la prima volta: eccellente!

visto la seconda volta: buono dai

visto la terza volta: ma anche no!

bargeld (ha votato 9 questo film) alle 23:36 del 13 novembre 2009 ha scritto:

RE: ma...ora non lo riguarderei

ma davvero? come mai? a me è sembrato ogni volta più bello!

superPOP girl (ha votato 6 questo film) alle 17:44 del 14 novembre 2009 ha scritto:

RE: RE: ma...ora non lo riguarderei

mah! forse perché rivedendolo cala la tensione su cui il film è basato e...diventa tutto un pò più banale. Non tolgo il fatto però che la prima volta sono rimasta felicemente sconcertata (e forse avrei dovuto fermarmi a quella precoce sensazione).

Marco_Biasio (ha votato 10 questo film) alle 8:15 del 29 agosto 2011 ha scritto:

RE: ma...ora non lo riguarderei

Io vivo la sensazione opposta. Più lo riguardo più mi commuove. E' una commozione atipica, perché è molto amara, annichilita. Non ho sinceramente visto eguali di tale potenza ed intensità nel cinema. O meglio, ne ho visti, ma non mi sono mai entrati così dentro.

Slask (ha votato 10 questo film) alle 17:08 del primo luglio ha scritto:

"ma anche no"? Il film non è solo tensione, è tante altre cose. Natura umana, perversione, ossessione, violenza. Per non parlare della regia magnifica che per 120 minuti regala chicche e sorprese a profusione..

swansong (ha votato 10 questo film) alle 16:24 del 2 marzo 2010 ha scritto:

Qui non si discute..

e la colonna sonora? No dico, vogliamo parlarne? perfetta anche quella...

diego84, autore, alle 14:01 del 5 marzo 2010 ha scritto:

colonna sonora

la stavo riascoltando giusto in questi giorni.. meravigliosa, in particolare il finale ( " The last waltz ") è perfetto

Marco_Biasio (ha votato 10 questo film) alle 8:11 del 29 agosto 2011 ha scritto:

Il film è un incubo, letteralmente. Una storia inestricabile di vendetta che si dissolve nel più cosmico e straziante dei dolori, un dramma epico e senza fine. Dae-su è quello che nel 431 a.C. poteva essere Medea: una storia particolare estensibile all'universale, una spirale archetipica che irradia vita e agonizza sotto i colpi di un amore totalizzante. Riprendo anche l'altro aggettivo originariamente dato da Alessandro, devastante, per definire la potenza dell'intreccio nell'intreccio, del crossover tra i generi, dell'abilità con la steady-cam di Chan-Wook, della prova attoriale complessiva. La colonna sonora perfetta è solamente l'ultimo tassello di un quadro mai così vivo e vitale. Senza alcun dubbio tra i miei film preferiti di sempre, perché ha una profondità ed una longevità assolute. Parla a noi in ciascun istante della nostra esistenza ed è un meraviglioso, per quanto crudo e inesorabile, compendio di poesia in immagini.

loson79 (ha votato 7 questo film) alle 21:50 del 10 febbraio 2013 ha scritto:

Sarebbe un 7,5. Molto bello ma di Park preferisco altro: su tutti Sympathy For Mr. Vengeance e il misconosciuto - in Italia ancora non è stato distribuito - I'm A Cyborg But That's Ok del 2006, forse il suo film più coraggioso e atipico. Resta un regista fra i più grandi di un cinema, quello coreano, che negli ultimi vent'anni è diventato un'inesauribile fucina di talenti, volti, sguardi.