R Recensione

7/10

Jurassic World regia di Colin Trevorrow

Sci-Fi
recensione di A. Graziosi

Ventidue anni dopo gli eventi di Jurassic Park, Isla Nublar dispone di un parco a tema di dinosauri completamente rifatto che calamita milioni di turisti: il Jurassic World, proprio come il sogno originale dell'ormai deceduto magnate John Hammond, costruito sui resti del parco originale. L'apertura ufficiale è avvenuta nel 2005 con ben 98.120 visitatori nel primo mese.

Il parco non è gestito più dalla InGen, ma dalla Masrani Corporation, che acquistò la suddetta società nel 1998. Tra i membri dello staff del parco, Owen è colui che conduce ricerche comportamentali sui Velociraptor.

Passati alcuni anni dall'apertura, il numero di turisti in visita al Jurassic World inizia a calare: dopo un iniziale interesse suscitato a livello globale e una conseguente affluenza da record per i primi anni, il mondo si è abituato all'esistenza di un parco in cui i dinosauri vivono e possono essere ammirati, nessuno ne ha paura e il parco è diventato sempre meno interessante per il pubblico.

Nel 2015, dieci anni dopo l'apertura del Jurassic World, per rimediare al calo di turisti e attrarre nuovamente l'attenzione del pubblico, gli scienziati creano l'Indominus rex, un dinosauro ibrido frutto di ingegneria genetica, combinando DNA di diversi dinosauri. Questo nuovo predatore sfuggirà al controllo dei gestori del parco con terribili incidenti e gravi ripercussioni sia sui visitatori che sugli animali dell'isola.

Dopo una spasmodica attesa per gli appassionati della saga e non solo, arriva nelle sale Jurassic World, il quarto capitolo e reboot del mondo ideato da Michael Crichton e magistralmente messo in scena da Steven Spielberg negli - ormai vintage - anni Novanta.

Il nuovo film considera ufficialmente come avvenuti solo gli eventi che hanno avuto luogo in Jurassic Park e non nei capitoli successivi, dai quali però in realtà il film riprende non pochi elementi e suggestioni, escludendo i momenti di vero e proprio - un po' compiaciuto - citazionismo.

Jurassic World è un blockbuster nel complesso ben costruito e ben miscelato nei suoi ingredienti così eterogenei. Si tratta di un mix potenzialmente pericoloso sia per l'accostamento tra vecchio e nuovo, tra fedeltà all'originale e innesti, sia per il possibile “rigetto” che i sequel di cult così amati rischiano sempre di causare. Nonostante non si raggiungano le vette recitative e di verosimiglianza dei mitici attori e personaggi del passato, Jurassic World sembra cavarsela discretamente per quanto riguarda la caratterizzazione delle nuove figure che popolano il parco. Discorso simile può essere fatto per l'effetto meraviglia nei confronti di questo mondo eccezionale, megalitico ed esotico che ben contrasta con l'atmosfera natalizia casalinga della cornice iniziale, più “spielbergesca” che mai.

Gli autori e realizzatori del film pongono delle buone premesse e basi al film, che nei primi due terzi risulta parecchio convincente, ma lo stesso non si può dire dell'ultima parte e dei cali di tensione che ogni tanto fanno capolino. Se Jurassic World ha un difetto è proprio da riscontrare nella questione tensione, quando invece dialoghi e scene sono ben scritti e ben realizzati, in particolar modo nella prima parte.

Sembrerà quasi che quando il gioco cominci a farsi davvero duro, i duri non vogliano cominciare a giocare e allora assistiamo a volte ad una sorta di perdita del punto di vista da parte della macchina da presa, apparentemente indecisa sul cosa seguire, chi seguire in ordine di importanza e fino a quando farlo e perché. Un'incertezza che in realtà si può percepire fin dall'inizio negli ampi spazi in CGI del parco, ma che si aggrava nei momenti d'azione della pellicola, che a quel punto tende a “buttarla in caciara”, a non giocare serio ma a crogiolarsi narcisisticamente in citazionismo e quasi parodia o gioco. Ciò che manca effettivamente forse è la sensazione di pericolo, quella tensione data da un sapiente tocco di regia e montaggio che Spielberg e il suo incredibile team sapevano dare con effetto molto naturale e immediato, necessario e unico.

Ci si chiede se il “buttarla in caciara” sia un po' un tirarsi indietro di fronte ai grandi maestri, se sia un furbetto adeguamento allo spirito indie e nerd dei nostri tempi che premia chi manca volontariamente di serietà e verosimiglianza nell'approccio, compensando poi in altri modi per farsi amare dal pubblico. Per il disastro che sarebbe potuto diventare, in ogni caso Jurassic World è un buon film, gradevole e che si lascia guardare molto piacevolmente. La pellicola ha il pregio di essere anche ben tematizzata per quanto riguarda gli aspetti della bestialità e del controllo, estremamente presenti e ben affrontati nella prima parte (purtroppo per la questione addestramento raptors non si può dire certo la stessa cosa). Sono molte le idee estremamente interessanti visive e concettuali, soprattutto per quanto riguarda la struttura del parco e la sua simbologia di sfruttamento capitalistico, peccato giusto che forse l'idea e trama genetista che si cavalca non sia tra le più originali e forse non è un caso che necessiti a un certo punto un'altrettanto non originale piega che ricorda l'ultimo Godzilla.

 

V Voti

Voto degli utenti: 5,1/10 in media su 7 voti.

C Commenti

Ci sono 2 commenti. Partecipa anche tu alla discussione!
Effettua l'accesso o registrati per commentare.

Mr. Zanon (ha votato 2 questo film) alle 15:32 del 22 ottobre 2016 ha scritto:

COMMENTO CHE POTREBBE CONTENERE QUALCHE SPOILER.

Ho trovato il film una schifezza oltre ogni limite. Ho visto questo quarto capitolo con basse aspettative, ma francamente è peggio di quanto pensassi. Prima di tutto non mi ha intrattenuto per niente, il coinvolgimento è stato minimo e, da metà film in poi, ho pregato perchè finisse al più presto: non riuscivo più a sostenerlo. Gli attori non sembrano neanche attori, ma persone che girano per il set a caso, che sono davanti alla m.d.p. solo per fare presenza dopo essere stati pagati una vagonata di dollarazzi: Bryce Dallas Howard è imbarazzante, è inespressiva e irritante, mentre Chris Pratt fa lo spaccone per due ore e basta. La regia di tale Colin Trevorrow (ho dei brutti presagi per Star Wars IX) è pessima: piatta per tutto il film, senza nessuna idea, interessata solo a mostrare effetti visivi in CGI e maldestra nelle incasinate scene d'azione (si vede che Trevorrow è inesperto da questo punto di vista). Gli effetti visivi mi lasciano perplesso: con 150 milioni di dollari hanno creato dei dinosauri che non valgono niente rispetto a quelli del primo film di Spielberg del '93 e che si amalgamano abbastanza male con le scenografia naturali del film. La fotografia è oscena, perchè è la classica fotografia patinata e laccata alla Michael Bay che rende ciò che compare sullo schermo plasticoso e bidimensionale. Il montaggio senza infamia e senza lode: scolastico e senza guizzi. La colonna sonora è assolutamente dimenticabile: poco originale e riprende i temi classici di John Williams inserendoli a caso durante il film tanto per accontentare i fan. Della sceneggiatura non ho parole, perchè parte già da un presupposto idiota (il parco aperto apposta per far vedere a migliaia di turisti i dinosauri) ed è infarcita di una montagna di dialoghi idioti alla Asylum; fornisce inoltre dei personaggi per niente approfonditi e/o sfaccettati psicologicamente (il classico buono che si innamora della perfettina buona, i due fratelli giovani: quello nerd e quello che pensa solo alla fi*a...) . La cosa peggiore è la stupidità stessa del film, molte situazioni sono al limite della parodia, a dir poco ridicole: la figlia di Ron Howard che corre con i tacchi a spillo tra gli alberi, bambini che fanno ripartire un automobile ferma da trent'anni, la sequenza trash di Pratt che va in moto a fianco dei dinosauri, e molte altre sciocchezze. Il film finisce ovviamente bene, muoiono solo i secondari (di cui non frega niente a nessuno) e la suspense è totalmente assente.

I'm sorry, ma per me, Jurassic World è un NO!

K.O.P. (ha votato 4 questo film) alle 10:12 del 21 aprile ha scritto:

Concordo su tutto